IL VILLAGGIO DI WASA

Wasa è situata un’ottantina di chilometri ad ovest di Iringa e fa parte di un distretto che conta 15 villaggi, per una popolazione totale di circa 15.000 unità, suddivisa in 3.000 famiglie. E’ il più importante e popolato dei villaggi della sua “KATA”, dove un “KATA” è un insieme di sette villaggi – paragonabile a una sorta di “provincia”.


Visualizzazione ingrandita della mappa

LA MISSIONE DI WASA

La Diocesi di Iringa è presente a Wasa dal 1929. L’attuale vescovo di Iringa, già incontrato in entrambe le visite dell’associazione al villaggio (2004 e 2008) è Tarcisius J.M. Ngalalekumtwa. Il parroco della Missione di Wasa è padre Giustino Msossi, succeduto a padre Francesco Msofu nel settembre 2010. La Missione affianca ad una fondamentale opera evangelizzatrice e pastorale un’opera sociale di sostegno, ascolto e incontro dei bisogni di tutti gli abitanti della zona.

SITUAZIONE SANITARIA E SCOLASTICA

Le principali emergenze sanitarie che colpiscono il villaggio sono HIV, Malaria, infezioni respiratorie acute e dissenteria. Il virus HIV impatta gravemente sulla situazione sociale del villaggio, decimando la popolazione in età lavorativa e lasciando un’altissima percentuale di bambini orfani di uno o di entrambi i genitori.  Ad oggi le strutture presenti presso il dispensario della Missione di Wasa sono le seguenti:

  • Stanze di degenza, realizzate già prima del 2000 e a cui saranno portate piccole opere di ristrutturazione e di adattamento funzionale alle nuove strutture;
  • Gli ambulatori realizzati nel 2009 dalla diocesi di Bologna;
  • La struttura realizzata da MWENDO nel 2008, per le donne partorienti ed in neonati;
  • Le abitazioni dei medici realizzate da MWENDO nel 2010.

A Wasa esiste una scuola primaria della Missione – il cui percorso si articola su sette anni, e due scuole secondarie (una governativa e una della Missione) – la cui durata è pari a sei anni scolastici.

SITUAZIONE ECONOMICA E SOCIALE

Le attività economiche di allevamento e agricoltura sono appena sufficienti per una pura sussistenza del nucleo che le mette in opera e non consentono alcuna marginalità per l’accensione di attività di commercio. Risentono negativamente delle condizioni climatiche e delle difficoltà nella previsione dei periodi piovosi, dell’assenza dei fattori produttivi e delle conoscenze tecniche. I servizi primari di acqua e di energia elettrica sono assenti presso il villaggio. La maggior parte delle abitazioni sono costruite in argilla con tetti di paglia. Alcune sono in mattoni. Pochissime abitazioni sono provviste di tetti in lamiera.

Comments are closed.

SITEMAP | info@mwendo.org | design by mariocelotti.it | CREDITS